Accordo ENI/CNR, Emiliano: importante per l’intero Paese.

Il

25

marzo


“Lecce è particolarmente felice per la decisione del CNR e dell’Eni di stabilire qui una delle iniziative più interessanti dal punto di vista scientifico del futuro del Paese e dell’Unione Europea”.

Così il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, all’evento di presentazione della firma del Piano di ricerca stipulato da Consiglio Nazionale delle Ricerche ed Eni. All’evento erano presenti anche il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il Ministro per il Sud Barbara Lezzi, il Presidente del CNR Massimo Inguscio e l’Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi.

“Noi – ha proseguito Emiliano – cerchiamo di essere un luogo pieno di progresso, di efficienza, di attenzione, di approfondimento per ogni tematica sociale e scientifica. Devo dare atto al Cnr e all’Eni di avere intuito questa particolare attitudine della Puglia”.

“Stiamo lavorando da mesi per costruire un’intesa tra Regione Puglia ed Eni sui temi come l’economia circolare, decarbonizzazione, riutilizzo rifiuti urbani e migliore gestione dell’acqua. In una terra che di decarbonizzazione ha bisogno come il pane, una terra bellissima dove ancora si produce molto CO2”.

La firma di oggi dà avvio concreto alla collaborazione attraverso la stipula di un joint research agreement. Un accordo che prevede venti milioni di euro di investimenti per attivare quattro laboratori congiunti. Insieme ai laboratori localizzati tutti nel Mezzogiorno anche un connesso programma di alta formazione rivolto a giovani ricercatori.

“Noi – ha concluso il Presidente della Regione Puglia – siamo a disposizione del Governo. Chiunque rappresenti il Governo è per noi pugliesi un amico, è per noi il rappresentante dell’unità nazionale, il rappresentante della volontà di incarnare i valori e i principi della Costituzione. Ringrazio Eni e Cnr perché ogni gesto di fiducia verso i pugliesi è un motivo di speranza verso tutto il Mezzogiorno”.

 

Fonte: Pressregione


←  Indietro