CINEPERIFERIE

Il

16

aprile


Scheda di sintesi bando di partecipazione  al progetto “CINEPERIFERIE”

Rep.n. 472 del 13 dicembre 2017

Direzione  Generale Arte e Architettura contemporanee  e Periferie urbane (per brevità DGAAP) e Direzione Generale Cinema (per brevità DGC)

Oggetto e finalità:

  • Realizzazione di progetti finalizzati alla conoscenza dei paesaggi periferici in Italia per valorizzarne le culture. Il programma invita ad interrogarsi sui paesaggi periferici italiani, intesi come territori, non necessariamente lontani dal centro, che vivono realtà di fragilità sociale, economica, ambientale, di difficile accessibilità a servizi e infrastrutture, o ancora dove sono riscontrabili fenomeni di degrado fisico, di marginalità, di disagio sociale, di insicurezza e di povertà.
  • La finalità dell’avviso è quella di far  conoscere il ruolo delle periferie, rivelandone la specifica identità e le potenzialità.

Progetti eleggibili  all’aiuto:

  1. rassegne cinematografiche che promuovano opere cinematografiche che ineriscano i temi dei paesaggi periferici in Italia e all’estero per impianto drammaturgico ovvero per ambientazione delle vicende narrate con ingresso a titolo gratuito, di seguito: “rassegne” ( SEZIONE I)
  2. cortometraggi a carattere documentaristico, di seguito: “cortometraggi” ( SEZIONE II )

I progetti presentati dovranno contenere una specifica proposta mirata al coinvolgimento del pubblico, con particolare attenzione agli abitanti stabilmente residenti sul territorio di riferimento.

Dotazione finanziaria:

Le risorse disponibili per la concessione dei contributi di cui al bando, per l’anno 2018, sono pari ad euro 200.000,00 (euro duecentomila/00)

Ambito territoriale di intervento: Intero territorio nazionale

Limitazioni  finanziarie:

I contributi sono concessi nel rispetto delle disposizioni di cui al Regolamento (UE) n. 651/2014 del 17 giugno 2014 e successive modificazioni.

SEZIONE I – Realizzazione rassegne fondi DGAA

Soggetti Beneficiari:

enti pubblici e privati senza scopo di lucro, università, fondazioni, comitati ed associazioni culturali e di categoria costituiti in qualsiasi forma giuridica

Requisiti dei partecipanti :

  1. avere una sede legale e operativa sul territorio nazionale;
  2. essere fiscalmente residenti in Italia;
  3.  essere in possesso di codice fiscale o partita Iva;
  4. essere dotati di indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) e di firma digitale;
  5. attestare, in forma di autocertificazione e auto-dichiarazione, il possesso dei requisiti di cui all’Allegato 1 del bando, riportati in piattaforma nella scheda “Dichiarazioni”. ( requisiti previsti a pena di inammissibilità)

Come partecipare:

 La richiesta di contributo, a pena di inammissibilità, deve essere:

  1. presentata utilizzando la piattaforma informatica online, disponibile sul sito http://www.doc.beniculturali.it/ di seguito: “piattaforma”;
  2.  firmata digitalmente dal legale rappresentante del soggetto richiedente;
  3.  completa di tutta la documentazione prevista nel presente bando e ulteriormente specificata nella piattaforma
  4. Termine di presentazione delle domande:

Le domande potranno essere presentate fino al 18 maggio 2018

Documentazione da allegare alla domanda:

  1.  una descrizione del progetto artistico, che illustri: i. l’identità, la riconoscibilità del progetto e la sua rilevanza culturale; ii. il curriculum del soggetto organizzatore;  iii. la qualità della proposta mirata al coinvolgimento del pubblico;  iv. la congruità economica del progetto;
  2. la programmazione provvisoria della rassegna;
  3.  il budget complessivo del progetto, composto dal preventivo dei costi e dal piano finanziario preventivo, contenente le fonti di copertura finanziaria del costo;
  4. una breve presentazione del soggetto richiedente ed eventualmente del partner del progetto;
  5. l’atto costitutivo e lo statuto del soggetto richiedente ed eventualmente del partner del progetto;
  6.  un accordo sottoscritto dal soggetto richiedente ed eventualmente dal partner nel quale siano indicate le specifiche funzioni e le attività svolte da ciascuno per la realizzazione del progetto;
  7. un elenco degli eventuali altri soggetti che sostengono il progetto;
  8. gli eventuali accordi di partenariato con i soggetti sostenitori del progetto;
  9. il documento di identità del legale rappresentante del soggetto richiedente;
  10. l’attestazione, in forma di autocertificazione e autodichiarazione, del possesso dei requisiti di cui all’Allegato 1 del presente bando, riportati in piattaforma nella scheda “Dichiarazioni”;
  11. l’ulteriore documentazione amministrativa e tecnica indicata nella modulistica.

Progetti ammissibili:

Sono ammissibili esclusivamente progetti di rassegne cinematografiche che:

  1. si svolgono nel periodo 1 luglio – 31 ottobre 2018;
  2. prevedono almeno quattro giornate di programmazione.

Sono escluse dal contributo le rassegne che sono collegate a festival cinematografici ovvero che si svolgono nell’ambito dei medesimi festival.

A pena di inammissibilità, ogni soggetto richiedente ovvero eventuali partner non potranno presentare né partecipare a più di un progetto nell’ambito dello stesso bando

Costi ammissibili:

  1. L’entità del contributo è determinata dalla Commissione sulla base del punteggio assegnato al progetto, tenuto conto del costo ammissibile e del piano finanziario del progetto medesimo.
  2. Il contributo può essere determinato entro la misura massima del 80 per cento dei costi ammissibili previsti al successivo comma 3 e comunque entro il limite massimo di euro 15.000 (euro quindicimila/00).
  3. Sono ammissibili i costi di cui alla tabella 2 allegata al bando, ulteriormente specificati in piattaforma, e che siano:
  1. sostenuti a partire dal giorno successivo all’emanazione del decreto di approvazione della graduatoria;
  2. strettamente correlati alle attività previste nel progetto;
  3. documentati sulla base delle norme contabili e fiscali vigenti.

Approvazione della graduatoria:

Con decreto congiunto, da emanarsi entro quarantacinque giorni dal termine di presentazione delle domande e pubblicato sul sito internet della DGAAP e della DGC, i Direttori Generali della DGAAP e della DGC provvedono all’approvazione delle graduatorie e la DGAAP all’assegnazione dei contributi.

SEZIONE II – Produzione cortometraggi a carattere documentaristico fondi DGC

Soggetti Beneficiari:

imprese di produzione cinematografica o audiovisiva italiane

Requisiti dei partecipanti:

  1. avere una sede legale e operativa sul territorio nazionale;
  2. essere fiscalmente residenti in Italia;
  3. operare con il codice Ateco 59.11.0;
  4. non essere qualificabili come imprese non europee;
  5. essere qualificabili come produttori indipendenti;
  6. essere in possesso, in virtù di contratti, ovvero opzioni, di acquisto, dei diritti di elaborazione a carattere creativo sul soggetto, sul trattamento, ovvero altro materiale artistico di cui all’articolo 15, previsti nella legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni e finalizzati alla realizzazione dell’opera cinematografica ovvero audiovisiva;
  7. essere dotati di indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) e di firma digitale;
  8. attestare, in forma di autocertificazione e autodichiarazione, il possesso dei requisiti di cui all’Allegato 2 del bando, riportati in piattaforma nella scheda “Dichiarazioni”

A pena di inammissibilità, ogni soggetto richiedente non potrà presentare né partecipare a più di un progetto nell’ambito dello stesso bando.

I cortometraggi, a pena di inammissibilità, dovranno avere ad oggetto storie inerenti la cultura e la realtà territoriale dei paesaggi periferici, e dovranno avere una durata, inclusi i titoli di testa e di coda fino a 15:00 minuti.

Come partecipare:

La richiesta di contributo, a pena di inammissibilità, deve essere:

  1. presentata utilizzando la piattaforma informatica online, disponibile sul sito http://www.doc.beniculturali.it/ di seguito: “piattaforma”;
  2. firmata digitalmente dal legale rappresentante del soggetto richiedente;
  3.  completa di tutta la documentazione prevista nel presente bando e ulteriormente specificata nella piattaforma

Termine di presentazione delle domande:

Le domande potranno essere presentate fino al 18 maggio 2018

Documentazione da allegare alla domanda:

  1. una descrizione del progetto artistico, che illustri: i. l’originalità, la creatività e il valore culturale del progetto; ii. i curricula, l’esperienza e i risultati del team creativo;  iii. i curricula, l’esperienza e i risultati della società di produzione;  iv. le potenzialità del progetto di raggiungere il pubblico di riferimento; v. la fattibilità del progetto, con riferimento al piano finanziario e al piano di realizzazione;
  2. il soggetto;
  3. cil trattamento;
  4. i curricula degli autori;
  5. il contratto, ovvero l’opzione, di acquisto dei diritti del soggetto, del trattamento sottoscritto con gli autori, nonché l’autodichiarazione attestante l’assenza di accordi di qualsivoglia natura tendenti e finalizzati a modificare, in qualunque modo, l’assetto economico e finanziario del medesimo contratto;
  6. il budget complessivo del progetto, composto dal preventivo dei costi e dal piano finanziario preventivo, contenente le fonti di copertura finanziaria del costo;
  7. una breve presentazione del soggetto richiedente;
  8. un elenco degli eventuali altri soggetti che sostengono il progetto;
  9. il documento di identità del legale rappresentante del soggetto richiedente;
  10. l’attestazione, in forma di autocertificazione e autodichiarazione, del possesso dei requisiti di cui all’Allegato 2 del  bando, riportati in piattaforma nella scheda “Dichiarazioni”;
  11.  l’ulteriore documentazione amministrativa e tecnica indicata nella modulistica.

Nel caso di cortometraggi di finzione o carattere documentaristico, il soggetto richiedente deve altresì allegare, a pena di inammissibilità:

  1. relazione del regista;
  2. relazione del produttore;
  3. contratto, ovvero opzione, con il regista.

Costi ammissibili:

L’entità del contributo è determinata dalla Commissione sulla base del punteggio assegnato al progetto, tenuto conto del costo ammissibile e del piano finanziario del progetto medesimo.

Il contributo può essere determinato entro la misura massima del 80 per cento dei costi ammissibili previsti al successivo comma 3 e comunque entro il limite massimo di euro 25.000 (euro venticinquemila/00) ; 3. Sono ammissibili i costi di cui alla tabella 4 allegata al bando, ulteriormente specificati in piattaforma, e che siano:

  1. sostenuti a partire dal giorno successivo all’emanazione del decreto di approvazione della graduatoria, di cui al successivo comma 4;
  2. strettamente correlati alla produzione del cortometraggio;
  3. documentati sulla base delle norme contabili e fiscali vigenti.

Contatti:

Le richieste di chiarimento possono essere inviate ai seguenti indirizzi e-mail:

Sezione 1) Rassegne: e-mail: esmeralda.valente@beniculturali.it inserendo nell’oggetto BANDO “cineperiferie”

Sezione 2) Cortometraggi: e-mail: chiara.fortuna@beniculturali.it inserendo nell’oggetto BANDO “cineperiferie”

Il bando e gli allegati sono scaricabili dai seguenti links: www.cinema.beniculturali.it e www.doc.beniculturali

Rinvii: Per quanto non espressamente indicato nella presente scheda di sintesi relativamente alle modalità di attribuzione del punteggio, formazione graduatoria, erogazione del contributo, controlli, revoche, obblighi del beneficiario ecc.

si rinvia al bando e agli allegati scaricabili dai links www.cinema.beniculturali.it e www.doc.beniculturali.it

 


←  Indietro