Le pettole

Categoria: Pasta e dolci

DETTAGLI

CONTATTA LA STRUTTURA

Acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy


Nota: tutti i campi sono obbligatori



DESCRIZIONE


Le pettole (pìttule nel dialetto leccese, pèttuli in brindisino) sono ovoli di pasta lievitata e fritti nell’olio bollente. È un tipico pasto pugliese, ma anche calabrese e lucano.
È usanza mangiarle della vigilia dell’Immacolata Concezione (il 7 dicembre), come funzione augurale per la festa del Santo Natale. Le pettole vanno consumate bollenti, appena estratte dall’olio fumante, come “spuntino” prima del pranzo.
Le pettole, inoltre, possono essere ripiene di alici, di cavolfiori, di cozze oppure di baccalà. In base alle varianti regionali le troviamo salate, dolci, vuote o ripiene. L’impasto è costituito da farina, patate, acqua, sale e lievito di birra. L’olio per friggere può essere di semi oppure extravergine d’oliva.

RICETTE

 


TURISMO



ITINERARI


MASSERIE DIDATTICHE