AVVISO PUBBLICO – PACCHETTO GIOVANI

Il

1

giugno


La regione Puglia ha pubblicato il PACCHETTO GIOVANI l’insieme di misure che prevedono contributi a fondo perduto a sostegno di agricoltori di età inferiori ai 40 anni che si insediano per la prima volta in agricoltura.

I bandi prevedono aiuti agli investimenti che permettano di migliorare l’efficienza, la competitività, la professionalità e la sostenibilità delle aziende agricole.

Il pacchetto giovani è composto da misure che prevedono contributi sugli investimenti:

  • Sottomisura 6.1: aiuti all’avviamento di imprese per i giovani agricoltori (primo insediamento);
  • Operazione 4.1B: sostegno per gli investimenti materiali e immateriali realizzati da giovani agricoltori;
  • Sottomisura 6.4: sostegno di attività extra-agricole;
  • Sottomisura 3.1: sostegno alla nuova adesione a regimi di qualità (DOP, IGP, STG, BIO);

ed altre che agevolano la fruizione di servizi di formazione e/o di consulenza aziendale:

  • Sottomisura 1.1: Sostegno per azioni di formazione professionale e acquisizione di competenze;
  • Sottomisura 2.1: aiuti per i servizi di consulenza

Il pacchetto giovani prevede la presentazione di un Piano Aziendale che preveda la realizzazione, nell’ambito di un progetto integrato, di interventi sostenuti da almeno tre misure del PSR oltre alla Misura 6.1 (premio di insediamento).

 

BENEFICIARI

Giovani che abbiano alla data di presentazione della domanda i seguenti requisiti:

  • età compresa tra 18 anni compiuti e 40 anni non ancora compiuti;
  • possesso di adeguate qualifiche e competenze professionali;
  • insediamento per la prima volta in un’azienda agricola in qualità di capo azienda, ovvero di titolare o contitolare dell’impresa agricola;
  • assunzione per la prima volta della responsabilità civile e fiscale di una impresa agricola.

e si impegnano a:

  • presentare un piano aziendale (Business Plan) per lo sviluppo dell’attività agricola predisposto nel rispetto di quanto definito al successivo paragrafo 14;
  • acquisire, entro 36 mesi dalla data di adozione dell’atto di concessione degli aiuti il possesso di adeguate
  • qualifiche e competenze professionali, qualora non possedute al momento di presentazione della DdS; diventare “agricoltore in attività” entro 18 mesi dalla data di insediamento.
  • svolgere attività di impresa agricola per almeno cinque anni dalla data di adozione della decisione individuale di concedere il sostegno all’insediamento.

I richiedenti che non hanno qualifiche e competenze potranno avvalersi dei corsi di formazione erogati nell’ambito della sottomisura 1.1.
(Per maggiori informazioni pag 13 del bando)

OBIETTIVI MISURA:

L’attivazione della sottomisura 6.1 è finalizzata a favorire l’insediamento dei giovani in agricoltura e l’adattamento strutturale della loro azienda per:

  • sostenere l’accesso dell’imprenditoria giovanile in agricoltura anche al fine di creare imprese innovative ed orientate verso lo sviluppo di nuovi prodotti e di nuovi sbocchi commerciali;
  • mantenere e consolidare il tessuto socio-economico nelle zone rurali per garantire il mantenimento di aziende vitali e produttive in costanza di esercizio dell’attività agricola;
  • garantire un ricambio generazionale funzionale al rinnovato quadro di riferimento economico e sociale dell’agricoltura e al ruolo che questa deve assumere nella società.

TIPOLOGIA ED ENTITA’ DEL SOSTEGNO PUBBLICO

Sottomisura 6.1. Aiuti all’avviamento di un’impresa agricola per i giovani agricoltori.

ENTITÀ DEGLI AIUTI

Il sostegno è concesso sotto forma di premio:

1. Giovane che si insedia in azienda preesistente proveniente da unico produttore cedente:

  • sostegno in zone ordinarie: € 40.000,00;
  • sostegno in zone svantaggiate ed aree C e D: € 45.000,00.

2. Giovane che si insedia in azienda di nuova costituzione ovvero in un’azienda agricola proveniente da più produttori cedenti:

  • sostegno in zone ordinarie: € 50.000,00;
  • sostegno in zone svantaggiate ed aree C e D: € 55.000,00.

Operazione 4.1B: sostegno per gli investimenti materiali e immateriali

SPESE AMMISSIBILI

  • costruzione ex-novo e ammodernamento di fabbricati rurali;
  • acquisto o il leasing con patto di acquisto di macchinari nuovi e attrezzature, compresi i programmi informatici;
  • strutture aziendali di stoccaggio biomasse;
  • investimenti per migliorare l’efficienza energetica degli edifici produttivi;
  • impianti di colture arboree;
  • impianti, macchine e attrezzature innovativi che favoriscono il miglioramento dell’efficienza irrigua;
  • realizzazione di reti distributive e di invasi di raccolta di acqua piovana di dimensione inferiore ai 250.000 mc;
  • acquisto terreni agricoli per un massimo del 10% della spesa totale;
  • strutture di stoccaggio dei prodotti agricoli;
  • impianti, macchine e attrezzature innovativi per gli investimenti in filiera corta;
  • spese generali fino ad un massimo del 12% della spesa (per macchine e attrezzature il limite massimo delle spese generali è ridotto al 6%).

INTENSITÀ DEGLI AIUTI

  • 70% per i giovani agricoltori con azienda situata in zone svantaggiate, aree Natura 2000 e aree Naturali Protette;
  • 60 %.per i giovani agricoltori con aziende situate in tutte le altre zone.

SOGLIE DI INVESTIMENTO

I progetti devono prevedere investimenti compresi tra 30.000,00 e 1.000.000,00 di Euro.

Sottomisura 6.4 sostegno di attività extra-agricole.

ATTIVITÀ AMMISSIBILI

Questa misura sostituisce l’Operazione 4.1B in caso di investimenti rivolti all’attivazione di attività extra-agricole. Sono ammissibili a sostegno le voci di spesa inerenti ad investimenti materiali e immateriali funzionali:

  • alla fornitura di ospitalità agrituristica;
  • alla fornitura di servizi socio-sanitari;
  • all’offerta di servizi educativi, ricreativi e didattici alla popolazione;
  • alla produzione di energia da biomasse (residui colturali e dell’attività zootecnica, legno di risulta della gestione del bosco, sottoprodotti dell’industria agroalimentare);

Nello specifico sarà concesso il sostegno agli investimenti materiali per le seguenti spese:

  • l’ammodernamento di locali preesistenti e l’acquisto di attrezzature per la fornitura di ospitalità agrituristica;
  • realizzazione di strutture accessorie funzionali all’esercizio dell’attività agrituristica;
  • l’ammodernamento di locali preesistenti e l’acquisto di attrezzature per la fornitura di servizi educativi e didattici, nonché l’acquisto di arredi e di attrezzatura informatica;
  • la realizzazione di nuovi impianti e l’acquisto di attrezzature per la produzione di energia da biomassa, limitati ad una potenza di 1 MW.

ENTITÀ DEGLI AIUTI

50% Per tutti gli interventi ammissibili.

SOGLIE DI INVESTIMENTO

I progetti devono prevedere investimenti compresi tra 30.000,00 e 400.000,00 di Euro.

Sottomisura 3.1: sostegno alla nuova adesione a regimi di qualità.

ATTIVITÀ AMMISSIBILI

Sono ammissibili all’aiuto le spese sostenute dagli agricoltori beneficiari, per la partecipazione per la prima volta ad uno dei regimi di qualità sovvenzionati di seguito elencate:

  • costi di prima iscrizione per il primo anno;
  • costi per il mantenimento nel sistema dei controlli;
  • costi delle analisi previste dal disciplinare di produzione, dal piano dei controlli dell’organismo di certificazione o dal piano di autocontrollo, nonché quelli degli standard di sostenibilità necessari per l’adesione ai Regimi di Qualità e previsti nei disciplinari di produzione.

I beneficiari possono essere sostenuti per un massimo di cinque anni consecutivi a partire dalla data di adesione.

MODALITA’ E TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI SOSTEGNO E DELLA DOCUMENTAZIONE

Approvato con Determinazione dell’Autorità di Gestione PSR Puglia 2014-2020 n. 226 del 06.11.2017 il differimento dei termini finali di operatività dei portali stabiliti con DAG n. 193/2017.

Con la DAG n. 226 del 06.11.2017 sono stati prorogati i termini per la partecipazione all’avviso “Pacchetto Giovani” e fornite alcune precisazioni in tema di investimenti ammissibili nella zona infetta da Xylella fastidiosa.

Nuovi termini per il “PACCHETTO GIOVANI”:

  • ore 12,00 del giorno 27/11/2017: termine finale per inserimento deleghe nel portale regionale
  • ore 12,00 del giorno 02/12/2017: termine finale per la richiesta di abilitazione al portale SIAN
  • ore 12,00 del giorno 07/12/2017:  termine finale di operatività del portale regionale per la compilazione dell’E.I.P. e per l’invio telematico dello stesso
  • ore 24,00 del giorno 12/12/2017: termine finale di operatività del portale SIAN per il rilascio della domanda di sostegno
  • ore 12,00 del giorno 18/12/2017:  termine finale per l’invio telematico della documentazione (UPLOAD)

 

PER MAGGIORI INFORMAZIONI CONSULTA LA PAGINA DEL PORTALE REGIONALE DEL PSR


←  Indietro