Di Gioia fa chiarezza sui tempi di attuazione del PSR

Il

25

gennaio


Il GAL Terra dei Messapi ripropone un abstract dell’intervista apparsa sul sito “Il Resto del Gargano” ieri sui temi affrontati nella IV Comissione Agricoltura del Consiglio Regionale. Gli stessi che molti di voi ci pongono quotidianamente. A queste richieste di chiarimento l’Assessore Di Gioia ha risposto in maniera puntuale.

Le delucidazioni dell’assessore arrivano su richiesta del consigliere di FI Domenico Damascelli  nell’ambito della IV Commissione Agricoltura del Consiglio regionale, presieduto da Donato Pentassuglia. Damascelli ha ribadito infatti la necessità di fare chiarezza sui tempi, le modalità e gli obiettivi relativi alle misure contenute nel PSR e sulla situazione dei GAL, sottolineando che la disponibilità finanziaria è irrisoria per far fronte alle migliaia di richieste provenienti dalle aziende agricole e ritenute valide: “Si pensi, ad esempio, alla misura 10.2 sulla sostanza organica – ha fatto notare DAmascelli – sono stati stanziati soltanto 3 milioni di euro con cui saranno soddisfatte 55 richieste a fronte delle 4.200 depositate. Per evaderle tutte sarebbero necessari oltre 100 milioni di euro”

Sempre per le misure aziendali, il consigliere regionale, ha evidenziato come “sono bloccati i fondi per il primo insediamento di giovani agricoltori, la formazione, agriturismo e B&B, e finanziamenti per le organizzazioni di produttori”.

Per quanto concerne i Gal, invece, “ci troviamo dinanzi alle pronunce del Tar che danno ragione ai Comuni – ha precisato Damascelli – che hanno presentato ricorso contro la loro esclusione dalla programmazione. Così, oggi la Regione si trova a dover rimodellare la programmazione riestendendola a tutti con nuovi avvisi già resi pubblici in questi giorni”.

[…]

L’assessore Di Gioia ha fatto un chiarimento anche in termini di tempistica, partendo dalla data di approvazione del PSR, novembre 2015 e passando a quella di marzo 2016 quando il Comitato di sorveglianza si è riunito per definire i criteri con cui sono stati scritti i nuovi bandi e passando per un periodo di proroga per sei mesi, per arrivare comunque alla pubblicazione del bando ed infine all’esito di una graduatoria è stato avviato un negoziato con Bruxelles per poter apportare delle modifiche analitiche.

In merito alla situazione dei GAL, l’assessore Di Gioia ha voluto precisare che a seguito della controversia che c’è stata con alcuni Comuni, che hanno dimostrato in via cautelare di avere ragione sulla conformità ai fini dell’eleggibilità a GAL, è stato riaperto il bando andando incontro alle esigenze derivanti dall’ANCI. “Tenendo in conto dei criteri dettati dalla Commissione Europea, sarà nostra cura – ha concluso DI Gioia – cercare di garantire la presenza del GAL nei territori a forte vocazione e per fare ciò sono state apportate delle modifiche al PSR. Pensiamo di avere un elenco definitivo dei GAL pugliesi entro sessanta giorni”.

Leggi l’articolo integrale Clicca quì


←  Indietro